Agricoltura comunitaria e allevamento di pecore – Terra indigena Raposa Serra Do Sol

Il progetto di agricoltura e pastorizia è volto al sostentamento delle comunità indigene della regione del Basso Cotingo, Terra Indigena Raposa Serra do Sol in Brasile, a 260 km dalla città di Boa Vista. L’obiettivo è lo sviluppo di un’economia solida e sostenibile, che possa garantire un’adeguata alimentazione a bambini e ragazzi che frequentano la scuola, così come ai partecipanti di incontri comunitari ed assemblee di popolazioni indigene. Il progetto è in corso.

La Comunità Raposa Serra do Sol

La Comunità autoctona Raposa Serra do Sol si trova nel nord-est dello Stato di Roraima, Brasile. Ha una superficie di 17.465 km2 con una popolazione di oltre 25.722 abitanti, distribuita in più di 211 comunità ed è organizzata in quattro regioni amministrative, tra cui vi è la regione del Baixo Cotingo con 45 comunità.

La comunità è costituita principalmente dal popolo Macuxi, oltre ad un certo numero di Ingarikó, Taurepang, Jarekuna e Wapixana. Questa diversità etnica non influisce sull’armonia della vita, sulle finalità e sull’attività organizzativa. Dopo l’omologazione della terra e l’allontanamento dei non indios, la vita degli indigeni a Roraima è migliorata rispetto al passato. Hanno potuto riprendere la produzione dei propri alimenti e mantenere i propri valori culturali, guadagnando così la propria autonomia. Le attività economiche produttive sono incentrate sull’agricoltura di sussistenza con piantagioni di manioca, mais, fagioli, meloni, banane e riso a bassa produttività. Utilizzano anche la caccia, la pesca, l’allevamento di polli, maiali, capre e bovini, la cui eccedenza viene utilizzata per lo scambio con beni di prima necessità.

L’assenza di politiche sociali

Nonostante ciò, si nota l’assenza dei governi federale, statale e comunale nell’applicazione delle politiche sociali e di pubblica utilità rivolte alle comunità indigene. Sembra che la responsabilità dello Stato brasiliano si sia conclusa con la demarcazione e l’omologazione di questa Terra Indigena. Vi sono invece molte altre sfide che queste comunità devono affrontare, come i problemi legati all’autosostenibilità, alla salute, all’istruzione, alla sicurezza e alle infrastrutture.

L’attuale scenario sociopolitico del Brasile è segnato dalla crisi politica che influenza il paese da tre anni. Questa situazione colpisce direttamente le classi più svantaggiate della società – i poveri, i neri, le comunità indigene, i senza terra, ecc. – e ha conseguenze nei settori più importanti della vita sociale come l’istruzione, la salute e l’occupazione. Le grandi distanze, le strade precarie, i ponti di legno, le poche macchine comunitarie rendono difficile spostarsi sia per gli indigeni sia per i missionari.

Per quanto riguarda la salute, manca la medicina preventiva, cresce la dipendenza dalle medicine delle case farmaceutiche a scapito della medicina naturale e tradizionale; gli alimenti sono a basso valore nutrizionale, si sconta la mancanza di servizi igienici di base, si nota la comparsa di nuove malattie come quelle sessualmente trasmissibili e la dipendenza alcolica tra i giovani.

Per quanto riguarda l’istruzione, molti sono gli ostacoli all’accesso all’istruzione scolastica: c’è la mancanza di comprensione della lingua indigena parlata da alcune comunità da parte degli insegnanti e manca l’effettiva partecipazione della comunità all’elaborazione di un calendario differenziato, nonché di proposte pedagogiche specifiche.

La mancanza di cibo

Questo progetto nasce quando il paese comincia a notare la debolezza dei bambini che tornano da scuola e la mancanza di cibo durante gli incontri comunitari. La distanza da percorrere per arrivare a scuola è lunga e quando si arriva non c’è niente da mangiare e si può rimanere senza cibo per l’intera giornata scolastica. Anche nelle riunioni, negli incontri e nelle assemblee dei leader comunitari, si registra a volte la mancanza di cibo. Gli studenti, come gli anziani, non prestano attenzione in classe – o nelle riunioni nel caso di leader – per via della fame.

Il progetto

Per questo motivo, i leader indigeni delle 7 comunità indigene (PERDIZ, KURAPÁ, CONGRESSO, NATUREZA, BANCO, SERRINHA E CONSTANTINO) che fanno parte del Polo Base Costantino hanno sentito la necessità di elaborare questo progetto. L’obiettivo è quello di realizzare una piantagione di banane e un allevamento di pecore per fornire un pasto agli studenti della Serrinha School e ai partecipanti alle assemblee dei leader comunitari. Di solito quando si tengono riunioni o assemblee, ogni regione deve offrire il proprio contributo alimentare. Un progetto di agricoltura e pastorizia per dare un futuro migliore e dignitoso ai bambini indigeni e sostenere i leader della comunità. La produzione potrebbe essere anche in parte venduta in caso occorresse acquistare qualcosa di importante per le assemblee comunitarie o regionali, o per soddisfare le esigenze del momento della comunità.

Questo progetto di agricoltura e allevamento ovino non avrà solo un ritorno nel medio termine, ma avrà una valenza anche a lungo termine. 

Il contributo di studenti e leader

I giovani e i responsabili delle sette comunità coinvolte aiuteranno nel lavoro di semina e nella costruzione del ricovero delle pecore. Tutti cercheranno di procurare le piantine di banane da piantare e si impegneranno nella ricerca di legna e materiali per le recinzioni che circondano la fattoria ed il ricovero delle pecore. Le comunità coinvolte offriranno il loro lavoro manuale, il cibo per i lavoratori, il supporto al conducente del trattore. Il missionario responsabile del progetto contribuirà con la sua auto al trasporto dei materiali acquistati in città, portandoli nella zona designata alla costruzione della piantagione e dell’allevamento.

Tempi realizzazione

Due anni: 2019 – 2020

Costi

Il preventivo stimato è di 9.613 euro.

Responsabile in loco

Jean-Claude BAFUTANGA ANIZELEDI, IMC

Impegnarsi Serve

Impegnarsi Serve

info@impegnarsiserve.org

Impegnarsi Serve Onlus è un'organizzazione di volontariato e insieme ai suoi volontari opera in Italia e in numerosi paesi del mondo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi