Segreteria nazionale | Tel. +39 011 2078446|info@impegnarsiserve.org

4 giugno 2017: una camminata alternativa

Home/AlcolOltre/Campagna AlcolOltre/Notizie&Attualità/4 giugno 2017: una camminata alternativa

4 giugno 2017: una camminata alternativa

Alla presenza e con la partecipazione attiva del sindaco e di alcuni assessori di Rivoli e Rosta, che hanno accolto l’invito, lo scorso 4 giugno si è svolta una camminata contro l’alcol. L’iniziativa rientra nella Campagna AlcolOltre che l’Associazione Impegnarsi Serve onlus ha lanciato per sensibilizzare l’opinione pubblica sul grave problema dell’abuso di alcolici tra i giovani.

La camminata è stata preceduta da un breve intervento del Sindaco di Rivoli, Franco Dessì, che ha sottolineato che “la piaga dell’alcolismo ha in sé molto sommerso, perché, a cominciare dalle famiglie, si tende molto spesso a nascondere questo fenomeno e a tenerlo nella riservatezza, mentre bisognerebbe far emergere il fenomeno e a renderlo visibile, sia per quanto riguarda i luoghi di ritrovo della gioventù dove lo sballo è evidente, sia portando alla luce quello che rimane tra le mura familiari”. A seguire, anche d. Giovanni Isonni, parroco a La Stella, ha ribadito la necessità di “lavorare in termini preventivi e di educazione”.

Partendo dal piazzale Mafalda, antistante il Castello di Rivoli, luogo di ritrovo dei giovani rivolesi e non, dediti al binge drinking e allo sballo del weekend, i partecipanti si sono diretti verso Rosta, con tappa al Pozzetto Alto, dove sono state lette alcune testimonianze sul problema dell’alcol tra i giovani in Italia. Colpisce che si parli di Rivoli, la nostra città, i nostri giovani, ma è così. Successivamente al Laghetto Pessina di Rosta è stata letta una testimonianza del dramma dell’alcol in Africa.

Il cammino rappresenta il percorso che attraversa chi vive le difficoltà legate all’alcolismo. Durante il percorso ci possono essere momenti di smarrimento, di sconforto, di fatica, di paura di non farcela; ma se si cammina in compagnia, se si condivide il cammino con altre persone e ponendosi una meta da raggiungere, si possono superare più facilmente anche le difficoltà.

Infine l’arrivo alla Madonna degli Alpini, con il saluto dell’assessore Morabito di Rosta e l’intervento di Laura Scomazzon, volontaria dell’Associazione, Si conclude la camminata con un momento conviviale nel quale è stata condivisa una merenda ristoratrice.

La speranza che vogliamo dare a chi è coinvolto nel problema dell’alcolismo qui in Italia proponendo un modello alternativo di piacere. La campagna AlcolOltre non vuole demonizzare l’alcol in assoluto, ma vuole stimolare ad un piacere privo di eccessi. La vita deve essere vissuta e gustata cogliendo l’essenza ma senza farsi travolgere dagli eccessi. La speranza che vogliamo dare ai ragazzi in Africa, tornando quest’estate per impostare un progetto di prevenzione e formazione nelle scuole spiegando gli effetti dell’abuso di alcol sul corpo e sulla mente umana e impostando dei progetti di avviamento all’attività lavorativa per giovani ragazze madri perché possano avere una seconda possibilità di riscatto.

Elena Zanchi

Scrivi un commento